Spettacoli, Una partita di doppio in 5 set tra Shakespeare e Marlowe



Per i Quartieri dell'Arte 2021

Il progetto - sostenuto dal MAECI / Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese nell’ambito dell’iniziativa “Vivere all’italiana sul palcoscenico” – è firmato da Gian Maria Cervo, Riccardo Festa e Nicolay Kolyada, drammaturgo e regista russo di fama mondiale. Rappresentato per la prima volta in Russia (Ekaterinburg – Urali) A Shakespeare/Marlowe Digital Diptych è stato l’unico spettacolo di produzione italiana andato in scena dal vivo nel novembre 2020, in pieno lockdown. In quell’occasione gli attori italiani erano in video, mentre gli attori russi dialogavano con loro dal vivo, davanti alla platea gremita del teatro di Ekaterinburg (Urali). Tra l’8 e il 17 ottobre, negli antichi spazi della Tuscia medievale e rinascimentale, accadrà esattamente il contrario. Lo spettacolo, che si presenta con un double-bill, intreccia una sezione video teatrale diretta da Nicolay Kolyada, con un cast composto da attori e musicisti russi dell’ensemble del Kolyada Theatre, e una sezione dal vivo diretta da Riccardo Festa. Attori live intratterranno rapporti con personaggi virtuali che appariranno su schermi disseminati sul palcoscenico.

A Shakespeare/Marlowe Digital Diptych è un progetto cross-mediale nato dall’incontro del drammaturgo e curatore italiano Gian Maria Cervo con il regista e drammaturgo russo Nikolay Kolyada. Realizzato in coproduzione da Teatro Stabile delle Arti Medioevali, Kolyada Theatre di Ekaterinburg, ALT QVM e UrTeatro, l’allestimento ha al centro due riscritture fantascientifiche brevi di opere shakespeariane, ambientate dall’autore Gian Maria Cervo in un futuro prossimo venturo: “Amleto - un’Ofelia di Più” e “Musica o un altro nome per la tempesta” che collega, secondo suggestioni elaborate dai saggi di Harold Bloom, le figure di Prospero e di Faustus.

“Amleto- un’Ofelia di Più” è una sorta di Amleto alla “Black Mirror” in cui viene immaginato un principe in un futuro prossimo dentro una sala ipertecnologica del suo palazzo, dove può evocare ricordi del passato gridando "flashback" e giocare con cyborg, automi e intelligenze artificiali. In definitiva, Amleto è un principe rinascimentale in una corte medievale e corrotta. E l’opera si interroga su quanto la tecnologia digitale stia creando un nuovo Medioevo, un mondo in cui torna a valere la “notizia tradizionale”, fondata sulla voce della comunità e non su fonti documentate. La vicenda ruota attorno alla morte di Ofelia ed è basata sui saggi di Bloom. Amleto padre è in realtà il Tamerlano marloviano. Nel cast, Lorenzo Grilli, Konstantin Itunin, Alexey Romanov, Daria Kizingasheva, Daria Kvasova, Dario Guidi, Luigi Cosimelli, Vlad Melixov, Viktoria Lemeshenko, Nikita Bondarenko, Ruslan Shilkin, Anastasia Pankova, Ksenia Koparulina, Ivan Fedchichin.

“Musica o un altro nome per la tempesta” parte dall’idea che se si pensa a un Prospero contemporaneo - cioè a figure isolate e demonizzate nel mondo di oggi, indipendentemente dalla forma politica che i vari stati si danno - vengono subito in mente intellettuali e pornografi. In corrispondenza a questo si assiste a uno sviluppo dell’umanità sempre più orientata alla politically correctness e alla bellezza esteriore e in preda all’ignoranza. Ci si trova così in un mondo in cui i Ferdinando e i Calibano si somigliano sempre di più. “Ma - precisa Cervo - “non ho voglia di fare alcuno statement su intellettualità o pornografia. Voglio solo creare più discorso attorno a questi temi. Nel mio corto teatrale c’è più un senso di ricerca e scoperta piuttosto che un senso di statement definito e definitivo”. La trasformazione dei personaggi principali dell’Amleto in quelli della Tempesta allude a un processo sia alchemico che politico. Nel cast: Cesare Ceccolongo, Luigi Cosimelli, Riccardo Festa, Dario Guidi.

Così le repliche: 08 Ottobre (ore 21.00 Ex Tempio Santa Croce a Tuscania) / 09 Ottobre (ore 21.00 Teatro Bianconi a Carbognano) / 10 Ottobre (ore 18.00 Museo Civico a Viterbo) / 15 Ottobre (ore 21.00 Palazzo Orsini a Bomarzo) / 17 Ottobre (ore 21.00 Museo della Città a Acquapendente).

8 / 9 / 10 / 15 / 17 ottobre

Tuscania, Carbognano, Viterbo, Bomarzo e Acquapendente

DALLA RUSSIA CON AMORE, ARRIVA IN ITALIA IL NUOVO SHAKESPEARE FANTASCIENTIFICO DI QUARTIERI DELL’ARTE: A SHAKESPEARE/MARLOWE DIGITAL DIPTYCH

UNA PARTITA DI DOPPIO CROSS-MEDIALE A 5 SET CHE LANCIA AMLETO E OFELIA NEL FUTURO PROSSIMO VENTURO.


Hai partecipato? Lascia un commento ()