Altri eventi, L’immortalità: viaggio fotografico dentro un romanzo



Al Lungovelinocafé in mostra le opere di Massimo Giovannelli

La rassegna d’arte contemporanea proposta al Lungovelinocafè dall’Associazione Studio7.it, a cura di Barbara Pavan, con il patrocinio del Comune di Rieti prosegue con la mostra che si aprirà sabato 2 febbraio 2008 alle ore 18.00: ‘L’immortalità: viaggio fotografico dentro un romanzo’ di Massimo Giovannelli.

La mostra è parte di un ampio progetto espositivo che l’associazione promuove per tutto il 2008 e che prevede una serie di eventi in cui la fotografia affianca, rilegge, interpreta, ‘abbraccia’ un testo letterario scelto dall’artista. Il percorso artistico si snoda attraverso le pagine del libro in un gioco di rimandi e di reciproca virtuale contaminazione, trasportando il pubblico nel cuore dell’opera letteraria passando per l’immagine artistica e diventando più di un evento d’arte, un autentico invito alla lettura.

Dopo la personale di Filippo Bosio elaborata su un testo di poesie di Pablo Neruda tenutasi a dicembre alla Libreria Moderna, Massimo Giovannelli interpreta un testo tanto affascinante quanto particolare di Milan Kundera, ‘L’immortalità’ e, sulla scia delle dieci opere fotografiche accompagnate da altrettanti brani del romanzo, in un alternarsi di immagini e parole, l’osservatore si ritrova d’un tratto avvolto nella trama del libro, intrappolato dalla curiosa atmosfera che l’artista ha saputo abilmente creare.

Massimo Giovannelli, nato a Roma nel 1946, coltiva la passione per la fotografia da trent’anni. La sua ricerca artistica passa attraverso diverse fasi, dalla fotografia testimone della realtà circostante, alla fotografia poetica del paesaggio fino ad arrivare negli ultimi lavori ad una fotografia filosofico-psicologica dell’uomo e del suo ambiente. Ritrarre l’istante con occhio fotografico, dando al più effimero dei fenomeni, il tempo, la profondità dell’eternità. Ricerca che va anche oltre nella serie di mostre allestite nel corso dell’ultimo anno, in cui gli scatti attraversano un trentennio, ponendo così lo spettatore dinanzi al proprio tempo storicizzato in un crescendo di tensione tra il ‘com’era/com’è’, avvolti e trascinati dall’accelerazione che ha investito noi, il nostro mondo e il nostro tempo.

La mostra sarà visitabile fino al 29 febbraio 2008.

Lungovelinocafè Via Salaria 26 Rieti

www.lungovelino.it


Hai partecipato? Lascia un commento ()