Comune di
TORRICELLA IN SABINA
MUNICIPIO
via Roma 58, Torricella in Sabina (RI) - mappa
tel 0765.735021 - fax 0765.735526
www: sito web  | e-mail: scrivi

Torricella In Sabina: Storia delle frazioni

ORNARO ALTO
Ornaro Alto , insieme a Oliveto ed Ornaro Basso, è una delle tre frazioni di Torricella in Sabina.

Go Sabina Ornaro Alto è situato sopra una collina, vicino al Km. 64 della via Salaria Nuova.
Venendo da Roma si consiglia di uscire all'altezza di tale chilometro e imboccare la via Salaria Vecchia che si trova sulla destra, percorsi 2 Km e mezzo girare di nuovo a destra, seguendo le indicazioni.

Si potrà così ammirare una struttura urbanistica medioevale, molto attraente. Se si scende nella parte più antica e si percorrono a piedi le stradine strette si arriva a respirare l'atmosfera di un tempo. Si consiglia di attraversare con calma tali stradine e di soffermarsi sulla piazzetta "della Rocca".

A questo punto si può ammirare il castello, inizialmente posseduto dalla famiglia Brancaleone e poi dagli Orsini. Le prime notizie certe sul castello risalgono al 1254 quando alcuni scritti testimoniano il suo possesso da parte dei Brancaleone, che lo tennero fino al 1480. Gli Orsini lo tennero fino al 1617, anno in cui passò alla Camera Apostolica e da questa, per enfiteusi, ad alcune famiglie locali.

Molto valida poi la visita alla chiesina medioevale considerata da molti come un gioiello di arte e di misticismo. Essa è dedicata al patrono Sant'Antonino Martire. Vi è un abside ornata da affreschi quattrocenteschi di scuola romana, un altare composto da un basamento si pietra scolpita la quale rappresentava la quarantaduesima pietra miliare dell'antica Salaria e una mensa rettangolare, anch'essa di pietra, con iscrizioni del XII secolo.

La storia recente parla dell'aggregazione al comune di Torricella della frazione di Ornaro e di Oliveto (all'inizio del XXIX° secolo). Scrisse nel 1932 il Palmegiani (in "Rieti e la Regione sabina") che tale paesi "risentirono subito i benefici di questa aggregazione".

Galleria di Immagini su Ornaro Alto:
http://www.comune.torricellainsabina.ri.it/joomla/galleria-di-immagini/view/3.html

ORNARO BASSO

Go SabinaOrnaro Basso, insieme ad Oliveto ed Ornaro Alto, è una delle tre frazioni di Torricella in Sabina.

Ornaro Basso è un aggregato di nuova concezione, costituito da graziose villette e ben collegato con la via Salaria uscendo al Km 64 e girando a sinistra dopo aver imboccato la Salaria vecchia e aver percorso 200 metri.

Il paese ha circa 250 abitanti ed è il più giovane del comune, infatti la sua nascita e il suo sviluppo è avvenuto dal 1960 in poi.

Prima su questa collina a ridosso della via Salaria si svolgeva una grande fiera e c'era solo un'osteria, adesso sono nate numerose ville e palazzine abitate tutto l'anno.

Da vedere, dal punto di vista storico c'è il Ponte Sambuco, costruito 2000 anni fa dagli Antichi romani che è parte integrante della vecchia Via del Sale di cui è rimasto ben poco.

Il ponte è un affacinante lavoro architettonico e si estende per circa 100 metri, costruito interamente con grossi blocchi di pietra incastrati tra loro ci da una dimostrazione del genio dei nostri antenati. Raggiungere quest'opera stupenda non è molto semplice in quanto bisogna percorrere una stradina scoscesa che, specialmente in inverno, è impraticabile con le auto.

Galleria di Immagini su Ornaro Basso:
http://www.comune.torricellainsabina.ri.it/joomla/galleria-di-immagini/view/4.html

OLIVETO
Oliveto, insieme ad Ornaro Alto ed Ornaro Basso, è una delle tre frazioni di Torricella in Sabina.
Go Sabina
Oliveto sorge su una collina a circa 620 m. (s.l.m.) nell'area che in epoca romana fu il centro abitato dai Trebulani e dai Mutuesci, sviluppato economicamente per le numerose attività agricole e commerciali. Già un codice farfense del VII sec. d. C. parla dell'Oppidum (piccola città fortificata) di Oliveto, sorto sulle rovine di "Trebula Mutuesca". Castrum Oliveti (il Castello di Oliveto) si trova menzionato nel Regesto farfense allorché, nel 1085, un certo Cencio figlio di Taibrando fece dono di questo territorio all'Imperiale Abbazia di Farfa.

Nel 1390 l'Abate Nicolò II lo diede in feudo ai Brancaleoni, che lo tennero fino al 1584; il 24 aprile di quello stesso anno, Domenico Jacobucci, figlio di Margherita Brancaleoni e Lorenzo Jacobucci, vendette il castello al cardinale Pier Donato Cesi. L'erede del cardinale, Domitilla Cesi, autorizzata dal Papa Alessandro III con chirografo del 25 giugno 1658, vendette i castelli di Oliveto e Posticciola ai Barberini; in seguito, con lettera chirografa del 18 dicembre 1682, il Papa Innocenzo XI autorizzò Maffeo Barberini a vendere Oliveto e Posticciola ai Santacroce.

Nel 1696, con ogni probabilità, fu dedicata la Chiesa di Santa Prassede al Fosso, come risulta dall'iscrizione posta sulla sommità dell'affresco ivi contenuto e di recente restaurato (1996): si può, dunque, ritenere che fu completata sotto il principato dei Santacroce. Il Prìncipe Valerio Santacroce, autorizzato dal Papa Benedetto XIV con chirografo del 13 settembre 1750, vendette i castelli di Oliveto e Posticciola ai Belloni, l'eredità dei quali, poi, fu assunta dai Cavalletti.

Dopo la caduta dello Stato Pontificio, con la "breccia di Porta Pia" nel 1870, Oliveto fu accorpato al Comune di Torricella in Sabina, del quale, tuttora, è frazione.

Oggi Oliveto è un piccolo centro che ha subìto i duri contraccolpi dello spopolamento, ma conserva bellezze storico-artistiche e naturali che lo rendono mèta ambìta per trascorrere le ferie estive e i fine settimana, anche a motivo delle numerose attività culturali, sportive e ricreative, promosse dalla locale Pro Loco. Di particolare interesse sono il Palazzo Parisi e la cinquecentesca Chiesa del Santissimo Salvatore, rifatta internamente negli anni 1929 - 31. Tali lavori, fatti eseguire dal Parroco pro tempore don Carlo Quarello, sono documentati da alcuni preventivi di spesa, conservati nell'archivio parrocchiale, e relativi alla tinteggiatura interna: sulla vòlta, poi, sono raffigurati gli stemmi del Papa Pio XI (1922- 1939) e del Vescovo di Rieti Massimo Rinaldi (1925- 1941). Di notevole interesse è anche la Chiesa rupestre di Santa Prassede, immersa nel verde, che conserva un affresco del 1696 raffigurante la Vergine al centro e, ai lati, Santa Barbara, Patrona della Diocesi di Rieti e Santa Prassede, patrona di Oliveto, che viene ricordata il 21 luglio di ogni anno e la prima domenica di settembre, con una festa di cui gli olivetani vanno orgogliosi.

Il prodotto tipico di Oliveto è l'olio, ma anche vino, miele, frutta, marmellate, sottaceti, alimenti sottolio, dolci e piatti succulenti e sani, sono i sapori inconfondibili di questa piccola porzione di terra sabina.

Galleria di Immagini su Oliveto:
http://www.comune.torricellainsabina.ri.it/joomla/galleria-di-immagini/view/5.html



[informazioni tratte dal sito ufficiale del Comune di Torricella]




torna indietro